Lettori fissi

martedì 4 giugno 2013

Danubio salato (con la macchina del pane)

E finalmente anch'io mi sono cimentata in questa ricetta: un lievitato salato sofficissimo,ideale per festicciole,come antipasto,per pic-nic...insomma dove lo mettete fa il suo figurone!!
Io mi sono servita della mia fidatissima e bravissima macchina del pane per impastare,vi elenco gli ingredienti nell'ordine in cui li ho messi dentro,voi potete anche impastare a mano se avete tempo a disposizione ok?

Ingredienti:

200 ml. di latte tiepido
50 gr. di burro a temperatura ambiente
1 uovo
1 cucchiaino di sale
400 gr. di farina manitoba
2 cucchiaini di zucchero
1 bustina di lievito secco

Per il ripieno andate secondo i vostri gusti o con quello che avete in frigo,io ho messo salame e mozzarella .
Per lucidare serve un tuorlo d'uovo mescolato a un po' di latte.
Per decorare ho messo semi di papavero,altrimenti semi di sesamo,semi di girasole.

Come ho gia' detto inserire nella macchina del pane  gli ingredienti nel loro ordine e impostare su "impasto",quando ha finito tirate fuori l'impasto gonfio e morbido e mettetelo sulla spianatoia,ricavatene 14 palline,schiacciatele e metteteci un po' del ripieno che avete scelto,richiudete sigillando bene e mettetele in uno stampo ricoperto con carta-forno badando a non attaccarle troppo l'una all'altra perchè lieviteranno ancora.Quando il danubio sara' completato lasciatelo lievitare 15 minuti. Nel frattempo accendete il forno a 180° impostando su" ventilato"e fatelo riscaldare.Sbattete il tuorlo con un po' di latte e spennellate le palline,cospargete di semi ( io di papavero) e infornate per 30-40 minuti fino a che lo vedete bello dorato.




giovedì 21 marzo 2013

Crostata salata vegetariana

Una ricetta veloce veloce e sfiziosa per una cena informale augurandoci che la primavera,arrivata ufficialmente oggi non si faccia attendere ancora per molto!!!

Occorrenti:

Pasta brisé (la ricetta la trovate QUI )

100 gr. di ricotta di pecora
2 uova
1 tazzina di latte
pecorino grattugiato
scamorza affumicata
2 zucchine
1 cipolla
sale e pepe q.b.

Con la pasta brisé ricoprire il fondo di una tortiera foderato con carta forno.
Disporre le zucchine e la cipolla precedentemete grigliati sulla  pasta brisé, sopra mettere la scamorza a fette.
In una ciotola schiacciare con una forchetta la ricotta ,unire le uova,il pecorino grattugiato, il latte,il sale e il pepe e versare nella tortiera.
Mettere in forno caldo a 200° per 40 minuti .



lunedì 18 marzo 2013

Pasta brisé

La pasta brisé è utilizzata in pasticceria e per la realizzazione di torte salate.
E' facilissimo farla,basta rispettare piccoli accorgimenti .
Occorrono:

200 gr. di farina 00( io per dolci e sfoglie Molini Rosignoli )
100 gr. di burro
70 ml.di acqua ghiacciata
un pizzico di sale 

Nel robot da cucina mettere la farina,il burro freddo a pezzi e il sale, azionare alla massima velocita' fino a che diventa un composto granulare.
A questo punto trasferirlo su un piano di marmo o comunque freddo col buco al centro dove si versa l'acqua ghiacciata e si lavora fino a formare un impasto compatto e sodo.
Avvolgere la pasta nella pellicola da cucina e mettere in frigo per 40-50 minuti dopodichè è pronta per essere lavorata.

martedì 5 marzo 2013

Dolce di mele in cocotte

Salve a tutti!Come state? Eh si,è dallo scorso anno che non pubblico niente e non vengo a trovarvi nei vostri blog! Come lo chiamano le coppie in crisi?? periodo di riflessione?? quindi diciamo che mi sono presa un periodo di pausa,un po' stanca di blog...un po' stanca di cucina...un po' attratta da altro ( poi vi faccio vedere in cosa mi sono cimentata io che non sapevo nemmeno attaccare un bottone) insomma poco entusiasmo per continuare...ma sembra che il brutto periodo stia finendo e quindi mi ripropongo con una ricettina che ha stuzzicato la mia curiosita'...

Cercavo un dolce che non fosse la solita torta di mele e rovistando nel cassetto di cucina ho trovato una scheda, sapete di quelle che vanno a formare un'enciclopedia? chissa' dove l'avevo presa e quando?sicuramente anni e anni fa!!

Nella descrizione della ricetta c'è scritto cosi': ecco il dolce delle nostre nonne che,non disponendo di moderne bilance,dosavano gli ingredienti con il classico barattolo della marmellata...mmmmhhhh...si...ok...ma grande,piccolo...da quanti grammi non mi è dato di sapere ...e adesso come mi regolo?? ho cominciato dalle uova e mi sono regolata usando la bilancia,visto che anche le nonne di oggi, per fortuna ,ce l'hanno! E devo ammettere che mi è andata bene...ottimo risultato!! Voi volete le dosi in barattoli o grammi??  Vi semplifico la vita va'...anche per farmi perdonare!! ;-)
 
Ingredienti per un dolce per 6-8 persone:

4 mele renette
succo di un limone
4 uova
250 gr. di zucchero
300 gr. di farina 00
200 ml. di panna fresca
1 bustina di lievito per dolci
burro per la cocotte
zucchero a velo
1 bicchierino di ottimo rum

Sbucciate le mele,eliminate il torsolo con l'apposito attrezzo e affettatele piuttosto finemente .
Cercate di ricomporre come meglio potete le fette dando ai frutti la loro forma originaria e irrorateli col succo di limone.
In una terrina sbattete con le fruste elettriche le uova e lo zucchero.Il composto dovra' diventare bianco e spumoso.Incorporate la farina setacciata a pioggia,la panna, il lievito e il rum.
Imburrate bene la cocotte,disponetevi le 4 mele ,sistemandole a uguale distanza e copritele con l'impasto.
Mettete il coperchio e fate cuocere in forno preriscaldato a 190° per un'ora; lasciatelo raffreddare nella cocotte col coperchio e servitelo dopo averlo cosparso di zucchero a velo.



Curiosita':
la cocotte è un classico recipiente della cucina francese,ovale o rotondo, a pareti spesse e dotato di coperchio,adatto anche alla cottura in forno.














sabato 29 dicembre 2012

Biscotti di Natale di Nonna Peppa




Natale in Sardegna...casa dei miei suoceri...per i miei figli è rimasto indimenticabile il profumo dei biscotti della nonna che si sprigionava dal forno aleggiando in tutta la casa. Quest'anno ho voluto regalare loro un pochino di quella magica atmosfera e guardarli mentre li mangiavano e sorridevano l'uno con l'altro è stato come tornare indietro nel tempo e rivederli bambini...per me è stato il regalo piu' bello!!!!
E mi fa piacere condividere con voi questa ricetta,è una semplicissima frolla al limone da ritagliare nelle forme che piu' vi piacciono.
Colgo l'occasione per farvi i miei piu' sinceri auguri per un 2013 pieno di tutto cio' che desiderate ma soprattutto serenita' e salute per voi e le persone che vi circondano con affetto!!!

Ingredienti:
1/2 kg. di farina 00 ( io farina per dolci e sfoglie Molini Rosignoli)
200 gr. di burro
3 uova
200 gr. di zucchero +un po' da spargere sui biscotti prima di infornare
1 bustina di lievito vanigliato per dolci
2 bustine di vanillina
la scorza grattugiata di 2 limoni

Sulla spianatoia ho messo la farina setacciata,ho fatto un buco al centro e ho messo le uova e lo zucchero amalgamando prima con una forchetta e poi con le dita incorporando anche la scorza dei limoni,la vanillina e il lievito ,quindi ho aggiunto il burro a pezzetti e continuando a lavorare con le dita ho formato una palla che ho messo in frigo 10 minuti.
A questo punto l'ho stesa col mattarello ad un'altezza di circa un centimetro,non deve essere fina altrimenti i biscotti rimangono duri.
Ho dato forma con gli stampini, li ho messi sulla placca del forno ricoperta con carta forno ,ho spolverato con un po' di zucchero e messi in forno caldo a 160 gradi.


Il forno non deve essere molto caldo,cuociono in pochi minuti,appena sono dorati nella parte inferiore sono pronti,anche se vi sembrano troppo morbidi sfornateli,poi si asciugheranno un pochino rimanendo morbidissimi!!!
Per conservarli durante il periodo delle feste riponeteli in scatole di latta ( io non ho fatto in tempo!! :-)

P.S. un piccolo suggerimento per accentuare l'aroma del limone??? Ho strofinato con succo di limone le mie mani,il mattarello e addirittura le pareti del forno prima di mettermi al lavoro!!! ;-)





venerdì 30 novembre 2012

Risotto con zucca e scamorza

Un risottino veloce veloce ideale per riscaldarci?? eccolo qua !!

Gli ingredienti per 4 persone sono:

300 gr. di RISO MARGARA  (qualita' Riso fino S.Andrea)

200 gr di zucca lessata

150 gr. di scamorza affumicata

1 porro

peperoncino

brodo di carne

burro e sale q.b.

Ho messo in una pentola il burro e il porro sottilmente affettato e lasciato soffriggere a fuoco dolce.
Ho unito il riso lasciandolo diventare trasparente e quindi bagnato con il brodo fin quasi ad arrivare a cottura.
Aggiunto la zucca lessata e frullata, ho salato e messo un pezzetto di peperoncino.
Arrivato a giusta cottura ho incorporato la scamorza tagliata a pezzettini,una noce di burro ,ho amalgamato e spento il fuoco. Ho lasciato riposare 5 minuti ,ho rimescolato e servito.
Siccome a mia figlia non piace la zucca le avevo detto che era con zafferano e scamorza...quando poi ha chiesto il bis le ho svelato la verita'!!! ihih....che bisogna fare per far capire che alcune volte si parte con la convinzione che un alimento non piace e poi doversi ricredere !! E vabbè....buon fine settimana a tutti voi ...tra pioggia ,neve e bufere :-(


venerdì 23 novembre 2012

Cavatelli con farina di grano saraceno

Ciao a tutti come va?? Io questo week-end andro' nella bellissima Toscana,finalmente un po' di riposo anche per me :-)  poi vi racconto...intanto vi lascio con questa ricettina semplice semplice,un tipo di pasta che a me piace tantissimo da condire come volete, io preferisco un buon sugo di carne bello tosto magari un po' piccantino...che ne dite? Una buona idea per domenica??'

Per preparare questa pasta occorrono:

Albumi d'uovo

Farina 00  80% ( io ho usato quella per pasta fresca e gnocchi dei Molini Rosignoli )

Farina di grano saraceno  20% ( che potete trovare nello Store Valtellina )

Per calcolare il peso bisogna pesare gli albumi.
Per le due farine calcolare il doppio del peso degli albumi.

Facciamo un esempio :
100 gr. di albumi
200 gr.di farine di cui 160 gr. di 00 e 40 gr. di grano saraceno.

Mettere sulla spianatoia le farine setacciate,al centro fare una fontanella e versare gli albumi mescolando con una forchetta fino a che siano assorbiti dalla farina ,quindi lavorare con le mani fino ad ottenere un impasto morbido e sodo . Lasciar riposare una mezz'ora.
Formare un cordone e tagliarlo a tocchi di un centimetro, trascinandoli col pollice come si fa per gli gnocchi.
I vostri cavatelli sono pronti da condire a piacere.




mercoledì 7 novembre 2012

Fregola sarda con salamino,porcini e zafferano

Ciao a tutti,vi propongo un modo per cucinare la fregola sarda e se volete sapere come farla la ricetta la trovate QUI.

Gli ingredienti per 4 persone sono:

500 gr. di fregola sarda

2 salamini secchi

200 gr. di funghi porcini

una bustina di Zafferano San Gavino 

Cipolla

mezzo bicchiere di vino bianco secco

Olio extra vergine

Sale

Una tazza di brodo di carne

Si comincia versando in una pentola con l'acqua salata a bollore la fregola perchè occorreranno circa 15 minuti per la cottura.
Nel frattempo in una padella con l'olio facciamo soffriggere leggermente la cipolla e il salamino tagliato a pezzetti, bagnamo col vino e lasciamo evaporare. A questo punto aggiungiamo i funghi porcini (potete anche usare quelli surgelati) e finiamo di cuocere a fuoco moderato e coperto.
Quando la fregola è quasi cotta la scoliamo e la versiamo nella padella aggiungendo il brodo in cui avremo sciolto lo zafferano, mescoliamo e facciamo insaporire, se occorre salare.
Se vi dico che mia figlia ha fatto il bis ci credete che è buona??? :-)


domenica 28 ottobre 2012

Fregola sarda

La fregola è un tipo di pasta tipica della Sardegna,rigorosamente lavorata a mano e per le sue dimensioni minute è indicata per zuppe e minestre. La ricetta piu' famosa è la fregola con le arselle o telline, ma si possono sostituire egregiamente anche con le vongole.Non avevo mai visto lavorare questa pasta per cui ho fatto una capatina su You Tube per rendermi conto della lavorazione e ho trovato questo video,se volete anche voi darci un'occhiata per capire meglio come lavorarla.

Occorrono:
500 gr. di semola di grano duro
200 ml. circa di acqua
sale q.b.
una bustina di zafferano

Ho sciolto lo zafferano e il sale nell'acqua.
In una ciotola di terracotta ho messo 2 manciate di semola e 2 cucchiai d'acqua e con le dita ho cominciato a girare la semola sempre nello stesso verso sbriciolandola  tra i polpastrelli, ho messo da parte quella piu' grossa lasciando sul fondo quella troppo fine, ho rimesso altre 2 manciate di semola e acqua e ricominciato a mescolare e cosi' via...fino ad esaurimento della semola.
Ho steso la pasta su una teglia coperta con carta forno e messa ad asciugare in forno al minimo calore per un paio d'ore,quando si è ben asciugata l'ho stesa su una tovaglia pulita e lasciata tutta la notte a seccare bene.
A questo punto la fregola è pronta e puo' essere messa in un contenitore a chiusura ermetica e conservata anche per mesi.


mercoledì 3 ottobre 2012

Plumcake rustico

Un rustico ideale come antipasto o per una cena accompagnato da verdure cotte o una bella insalatona,oppure da inserire tra le portate di un buffet!

Per uno stampo da 30 cm. occorrono:

Per l'impasto:
3 uova
300 gr. di farina 00 ( io ho usato quella per dolci e sfoglieMolini Rosignoli )
100 ml. di latte
100 ml. di olio di semi di mais
1 bustina di lievito istantaneo
sale e pepe

Per la farcitura:
80 gr. di formaggi parmigiano e pecorino grattugiati
2 fette di formaggio a pasta filata
100 gr. di mortadella
100 gr. di bacon

Preparazione:
Tagliare a dadini la mortadella ,il bacon e il formaggio a pasta filata.
In una terrina montare le uova con sale e pepe,quindi aggiungere il latte e l'olio e terminare con la farina fino ad ottenere un composto liscio e spumoso.
A questo punto unire i salumi,i formaggi e la bustina di lievito mescolando tutto.
Imburrare e infarinare uno stampo da plumcake e versare il composto che andremo a infornare  in forno caldo a 180° per circa 40 minuti. Raffreddare un po' il plumcake prima di sformarlo,tagliare a fette e servire.
Tovaglietta Busatti








 

blogger templates | Make Money Online