Lettori fissi

domenica 21 novembre 2010

Spaghetti alla gricia

Estremamente semplice ed estremamente saporita,un'amatriciana in bianco ,un "piatto povero"che i romani conoscono e mangiano da sempre con gusto. Il guanciale deve essere meta' magro e meta' grasso, cio' è importante perchè il grasso deve sciogliersi nella padella. Anche il vino bianco è importante in questo caso ,deve essere bianco e secco,la sua presenza ammorbidisce e rende piu' gradevole il sapore del guanciale.In questa ricetta non c'è la mediazione del pomodoro e quindi piu' che mai ha importanza la "bagnata" di vino


INGREDIENTI x 4 persone:

350 gr. di spaghetti

100 gr.di guanciale ben stagionato

1 cipolla

1 peperoncino

vino bianco secco

pecorino romano

olio evo

sale qb

Procedimento:

mettere al fuoco la pentola per cuocere gli spaghetti.

In una larga padella scaldare l'olio(ne basta un cucchiaio) con la cipolla finemente tagliata e il peperoncino,quando prende colore aggiungere il guanciale tagliato a cubetti e lasciar sciogliere il grasso a fuoco molto lento,a questo punto bagnare col vino bianco (un mezzo bicchiere)e lasciarlo evaporare .

Quando gli spaghetti sono cotti al dente scolarli e rivoltarli nella padella ,farli saltare aggiungendo una bella spolverata di pecorino.

Non eccedere col sale nella pasta perchè sono gia' presenti nel piatto il guanciale e il pecorino che sono saporiti.

10 commenti:

  1. Bianchi o rossi gli spaghetti all'amatriciana sono qualcosa di sublime, e tu sei stata bravissima!! oltretutto la versione bianca non la conoscevo e mi incuriosisce, la proverò :)

    RispondiElimina
  2. che buoniiiiiiiiiiiiiiiiii! proprio ora che stiamo per pranzare, ho i coltelli nello stomaco........! ha ha ha grazie per avermi stuzzicata, non mangeremo questi tuoi spagnetti alla Gricia, ma sempre spaghetti con semplice sugho, ero da molto senza mangiargli e gli stavo desiderando!
    buona giornata e buon pranzo!

    RispondiElimina
  3. fantastico e molto saporito, li ho mangiati una volta che ero a Roma ed erano fantastici. Ben fatti veramente. Buona domenica

    RispondiElimina
  4. Che spettacolo questo piatto! Bravissima!
    Un abbraccio
    Francy

    RispondiElimina
  5. Che profumino,lo sento da quì, brava Maria!

    RispondiElimina
  6. ma che buoni e che belli...quando mi inviti a cena mi fai anche quelli, ok?

    RispondiElimina
  7. Ylenia se la gricia viene fatta bene è ottima...il trucco sta nella quantita' di vino e la giusta evaporazione ;-)
    Etoile...i coltelli nello stomaco non l'avevo mai sentita..troppo forte...ciaooooo
    Valerio la prossima volta che vai a Roma non perderti la "cacio e pepe"...
    Mila e Francesca ...grazie siete carinissime!
    Fra'...io sento il profumo delle tue orecchiette!!!
    Malu' ma quando ti invito a cena? pare vero!!

    RispondiElimina
  8. bellissimo questo piatto maki le cose piu semplici sono davvero le piu buone!!!complimenti il tuo blog e davvero carinissimo

    RispondiElimina
  9. fa gola!!!!!!!!!!!

    Makenia, sei stata nominata...
    Sul mio blog ci sono due premi per te! :))

    RispondiElimina

Se mi lasci un salutino ne saro' felice e ricambiero' con piacere!!Grazie

I commenti anonimi non verranno pubblicati.

 

blogger templates | Make Money Online